logo Pro Loco logo sospirolo.net
I Cadini del Brenton (Valle del Mis - Gena Bassa 490 m)

Percorso facile lungo un sentiero attrezzato, realizzato dal Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, con accesso nei pressi del ponte sul torrente Mis in località Gena Bassa.

La valle del torrente Brenton (distante 8 Km di strada da Sospirolo), affluente di destra del Cascata d'acqua nel cadino n. 5torrente Mis, presenta nel suo tratto terminale una serie di cascate spettacolari, interrotte da gradini rocciosi nei quali l'acqua ha scavato delle marmitte di evorsione: cavità (chiamate localmente cadini) profonde anche 4 m.
Vi si può accedere agevolmente percorrendo un largo sentiero a ridosso di una conoide fluviale di notevoli dimensioni, formata per il trasporto da parte del torrente di ghiaia e ciottoli calcareo-dolomitici, che si presentano stratificati sulla scarpata erosa dal t. Mis durante l'alluvione del '66. Prima che il corso del torrente Brenton impostasse il suo ultimo tratto di roccia, determinando la formazione dei cadini, l'acqua scorreva dove ora si trova la conoide, facendosi via via strada tra i sedimenti che accumulava.
La formazione della conoide risale all'epoca postglaciale, un periodo di intensa evoluzione dei versanti della montagna. Questi, facilmente e intensamente sottoposti all'erosione per la scarsità della vegetazione dovuta al clima freddo, lasciavano cadere materiale detritico che veniva trasportato lungo il corso d'acqua. Proprio l'abbondanza del materiale Marmitta di evorsioneha aumentato la capacità erosiva del torrente sulla roccia.
Il sentiero attuale che porta ai cadini si trova in corrispondenza di una probabile via di scorrimento delle acque dell'antico corso del torrente Brenton.
La valle si innesta in direzione controcorrente alla Val del Mis, ma il punto di confluenza tra i due torrenti non è sempre visibile perchè, quando ci sono abbondanti depositi alluvionali nella parte terminale dell'alveo, le acque del torrente Brenton si infiltrano tra le ghiaie scomparendo.
Nella zona dei cadini, raggiunti dal sole per poche ore al giorno durante la bella stagione e mai in inverno, ristagna aria fresca ed umida, favorevole all'inversione della vegetazione. Vi si trovano infatti piante quali il rododendro e il pino mugo, normalmente presenti a quote più alte.

Tratto da "I cadini del Brenton -Marmitte di evorsione in Val del Mis-" di Pieranna Casanova - edizioni CIERRE Verona, 1998.


Seguici su Facebook  Seguici su Twitter